Pianeta Sud

Switch to desktop Register Login

Ventonovu

VENTUNOVU

Ventunovu : ambasciatori di Calabria
www.ventunovu.com 

Ventu Novu project, 10 anni di musica. 
"E' Tempo" il nuovo cd.

Fabio Console saluta i primi 10 anni del progetto artistico Ventu Novu con un 
nuovo CD dal titolo "E' tempo". L'ultimo album, comprendente brani inediti ed 
altri ripresi dallo storico repertorio.
Divertente, musicalmente aperto. sono questi gli appellativi più diretti ed
istintivi con cui giudicare il nuovo cd di Fabio console dal titolo "E' tempo"
Il nuovo lavoro non tradisce anzi rispetta e ribadisce l'ormai inconfondibile 
sound Ventu Novu, che il menestrello calabrese da ormai oltre dieci anni promuove.
Un laboratorio musicale itinerante, quello denominato Ventu Novu project, da 
sempre aperto alla collaborazione di tantissimi musicisti, che tra la Calabria, 
Roma e Londra prestano il loro talento ed il loro impegno e che si pone come un 
vero e proprio consorzio di fresche e giovani energie musicali. Non soltanto un 
modo di fare musica, ma anche e soprattutto un modo di stare insieme, in una 
prospettiva di crescita artistica, oltre che umana e spirituale. Con questa
visione Ventu Novu project ha prodotto 5 cd e un lunga e nutrita serie di 
performance live, diventando un punto di riferimento per l'associazionismo 
calabrese delle comunità emigranti e chiudendo così un ciclo decennale e un 
percorso artistico ricco di esperienze, intense emozione e tanto divertimento.
Anche il nuovo album è concepito sui binari della sperimentazione e della 
mistione di diversi stili e sensibilità musicali, che incontrandosi e 
confrontandosi, danno luogo ad una sintesi che non si fa mai ridurre o catturare dentro schemi e modelli retorici.
La musicalità propria della forma dialettale, l'ironia di fondo con cui Fabio
Console ripropone la sua Calabria si incontrano si esprimonono e si raccontano 
attraverso i più disparati linguaggi musicali, dal blues al funky, dal raggae
al country, dal flamenco alla tarantella. 
Così, Fabio Console parla di temi impegnativi e drammaticamente attuali, come 
quelli sulla 'ndrangheta, ai quali dedica il brano Dio c'è, ma anche di temi
più leggeri, di filosofia popolare calabrese come "U mundu je comu 'na rota", 
di speranza e rinnovamento culturale come in "Zorro Presidente".
Attraverso la musica la Calabria di Fabio Console racconta se stessa e si 
confronta col mondo, parlando il linguaggio della World Music.
Il nuovo album gode della partecipazione prevalente di musicisti dell'Alto
Tirreno Cosentino, come Rocco Capalbo, Claudio Cretella, Nicola Calvano, Fedele Astorino, Giovanni Console, nonché della straordinaria collaborazione di Carla Cauteruccio, tra le più originali voci ed espressioni del soul, nel solco di Aretha Franklin.
L'album è prodotto, edito e distribuito da L'ambasciata calabrese, attività 
operante a Roma e impegnata, attraverso un marchio di qualità, nella promozione 
del Made in Calabria. www.ventunovu.com  

Maggio 2011
 

Non solo musica, ma anche tradizione enogastronomica, letteraria, artistica in genere. È in questi termini che lo storico progetto artistico VentuNovu guarda alla promozione della cultura calabrese, ampliando le prospettive e gli orizzonti della propria ragion d’essere e aprendo le proprie attività a quelle dell’Ambasciata calabrese. Sita a Roma, nei pressi della città universitaria della Sapienza, l’Ambasciata calabrese è un punto di socializzazione, riferimento culturale e promozione artistica oltre che per i tanti calabresi giunti a Roma per lavoro o studio, anche per tutti coloro che nella metropoli romana siano alla ricerca di emozioni, sapori, sensazioni propri di una dimensione glocal. In quest’ottica l’Ambasciata vuole essere luogo di incontro, scoperta e valorizzazione del patrimonio tradizionale, culturale insito in ogni dimensione regionale o territoriale del nostro sud. Si tratta, nello specifico, di un’attività commerciale basata sulla diffusione del Made in Calabria.
Fondata nel 2006 da Fabio Console,menestrello e cantautore calabrese, grazie all’aiuto dell’associazionismo calabro di Roma, nel tentativo di continuare in forma più completa l’esperienza ed il progetto VentuNovu, l’Ambasciata si presenta nella forma di un’enoteca o meglio “etnoteca”. Le attività variano dalla degustazione di prodotti e vini nel contesto dell’aperitivo serale Made in Calabria, alla vendita e/o consultazione di libri, cd musicali di interesse calabrese, alle promozioni culturali, creazioni di eventi e produzioni artistiche.
 

Ritorna a "soffiare" sulla scena musicale etnico-popolare la tradizione calabrese tra tarantella e rock blues, tipico sound legato indissolubilmente al nome "Ventunovu project". Questa volta l´idea di Fabio Console porta il titolo di "Anima Kalabra", album che si compone di dieci brani con cui riprende quel cammino artistico iniziato a Scalea nel 2000.
Il cd è prodotto da "L´Ambasciata Calabrese", attività operante a Roma e impegnata nella promozione della cultura calabrese, 
mentre l´aspetto della diffusione editoriale è curato dall´associazione 
culturale "Punta e a Capo".
E proprio "Punta e a Capo" annuncia, con estrema soddisfazione, l´uscita di questo nuovo album di Fabio Console. La soddisfazione è dettata, oltre che dalla indiscutibile qualità del prodotto musicale, dalla convinzione di aver contribuito alla 
riscoperta di una della figure più originali del panorama musicale etnico calabrese.
Se questo lavoro nasce pensando alla terra calabrese, si sviluppa, però, on the road tra Roma e Londra, attingendo alla collaborazione di musicisti incontrati in queste due metropoli europee: è in questo continuo incontro/confronto che prende forma l´idea originale di una calabresità accessibile in the world.
Fabio racconta di una Calabria indomita e impenetrabile,ancora incontaminata e 
sincera, di una Calabria tanto ideale quanto tangibile. Le parole e le note malinconiche con cui l´autore descrive la vita, i sapori e i ritmi del tipico paese del Sud in brani come Paisi paisi (parte seconda) diventano, invece, coinvolgenti e ironiche sui ritmi più sostenuti di Tarantulamerica. L´artista, poi, non si tira indietro né quando si tratta di denunciare gli aspetti più emblematici della realtà sociale e politica della sua regione, come in Na canzuni e na buttigghia, né 
quando si tratta di ricordare le lotte contadine che hanno visto il popolo impegnato in una coraggiosa lotta per l´emancipazione, come in Fragalà, in cui canta un drammatico giorno del dopoguerra a Melissa. La pubblicazione di questo lavoro è stata accolta con entusiasmo dalla comunità di calabresi emigranti, verso cui il cantautore e menestrello scaleota ha orientato il suo ritrovato entusiasmo artistico.

Ventunovu - Fabio Console
Concerto 19-1-08

 

www.myspace.com/fabioconsole

Ascolta:
Ventu Novu - Na Canzuni e na buttigghia
Ventu Novu - Tarantulamerica

IL TOUR e la Storia

Dopo più di tre anni di assenza dai palcoscenici musicali calabresi, Fabio Console e il suo progetto musicale VentuNovu tornano nella loro terra d´origine con l´ultimo cd Anima Kalabra, in occasione dell´omonimo tour estivo.

Il tour Anima Kalabra 2008 toccherà diverse tappe di importanza nazionale ed internazionale e, dopo i concerti previsti in Puglia come la XII Rassegna di arte e cultura popolare dai 5 continenti "La Ghironda" (il 26 e replica il 27 luglio a Bari), il Popularia Festival 2008 (il 6 agosto a La Nchianata di Torricella, in provincia di Taranto), sbarcherà in Calabria. Il programma calabrese li vede attesi in numerose piazze, tra le quali il 7 agosto a Calanna (in provincia di Reggio Calabria) nell´ambito del DEA FEST 2008, Festival della Natura, della Cultura e delle Tradizioni della Vallata del Gallico, l´8 agosto a San Nicola Arcella (in provincia di Cosenza) alla Rassegna versOvunque, punto di partenza per una navigazione. 3° edizione In mare aperto, il 10 agosto alla IV edizione della Coppa della Pace a Pizzo Calabro (in provincia di Vibo Valentia), il 12 agosto alla Festa di Piazza a Polia (in provincia di Vibo Valentia), il 13 agosto a San Calogero (in provincia di Vibo Valentia) alla Festa del vino.

Con l´uscita del nuovo cd il gruppo calabrese ha ripreso a riscuotere consensi ed interesse, ritornando ad essere una tra le espressioni glocal più originali della discografia indipendente e del new folk calabrese. Tradizione dialettale e musicale in continuo confronto ed incontro con influenze rock blues, segnano il sound che da sempre caratterizza inequivocabilmente la musica di VentuNovu e di Fabio Console, che del progetto musicale è elemento storico.

Fabio Console è nato nel 1973 a San Calogero (V.V.) ed ha iniziato le sue esperienze artistiche a Scalea (CS). Nel 1998 esordisce sul panorama della discografia indipendente con l´album "Liberi e Fuori". Le influenze rock e blues di questo primo cd si rivelano una costante della personalità artistica del cantautore scaleota, che qualche anno dopo si fonderanno alla tradizione musicale etno-calabrese, dando vita ad una nuova ed originale sintesi musicale.

Il progetto musicale VentuNovu, nasce infatti sul presupposto di una rivisitazione della musicalità tipica calabrese in chiave rock e blues e di un´incontro/scontro con la multiculturalità della world music.

L´interesse e l´entusiamo che il progetto musicale suscita nel pubblico durante i concerti estivi di TantaTaranta (nel 2001), sollecita i VentuNovu alla pubblicazione di un frutto discografico. Così il 2002 è l´anno di Donna Calabria, primo cd del progetto, e dell´omonimo tour. L´originalità dei contenuti letterari e dei messaggi di questo primo cd vengono percepiti ed accolti soprattutto dalle nuove generazioni come la rappresentazione poetico-dialettale e musicale di una dimensione popolare e di un´antica saggezza contadina da scoprire e di cui riappropriarsi.

Sul solco di questa visione musicale e culturale, nel 2003 i VentuNovu realizzano Dalla Terra dei briganti. Con questa nuova produzione il gruppo percorre in lungo ed in largo la terra dei briganti, passando dalle zone più aspre ed impervie della Sila e del crotonese ai centri della Lucania, della Campania e su su fino a Roma. Il ciclo dalla terra dei Briganti viene riproposto nuovamente nell´estate del 2004. Alla fine dello stesso anno le componenti che con Fabio avevano fondato e costituito il gruppo etno-calabrese decidono di chiudere l´esperienze VentuNovu per intraprendere nuovi percorsi artistici. 

Fabio Console, invece, decide di continuare il percorso iniziato a Scalea e, dopo un periodo di "intensa riflessione", nel dicembre del 2007 pubblica il suo quarto cd Anima Kalabra. Prodotto e distribuito con l´etichetta L´Ambasciata calabrese, anche questo cd nasce pensando alla terra di Calabria, ma si sviluppa, on the road tra Roma e Londra, come laboratorio musicale itinerante, attingendo alla collaborazione di musicisti incontrati in queste due metropoli europee: è in questo continuo incontro/confronto che prende forma l´idea originale di una calabresità accessibile in the world.

In Anima Kalabra Fabio Console racconta di una Calabria indomita e impenetrabile, ancora incontaminata e sincera, di una Calabria tanto ideale quanto tangibile. Le parole e le note malinconiche con cui l´autore descrive la vita, i sapori e i ritmi del tipico paese del Sud in brani come Paisi paisi (parte seconda) diventano, invece, coinvolgenti e ironiche sui ritmi più sostenuti di Tarantulamerica. L´artista, poi, non si tira indietro né quando si tratta di denunciare gli aspetti più emblematici della realtà sociale e politica della sua regione, esprimendo l´anelito del popolo calabrese al riscatto in Na canzuni e na buttigghia, né quando si tratta di ricordare gli eventi che hanno visto il popolo impegnato in una coraggiosa lotta per l´emancipazione, come in Fragalà, in cui canta un drammatico giorno del dopoguerra a Melissa.

I frequenti richiami al mondo dell´emigrazione presenti in Anima Kalabra suscitano l´interesse e il coinvolgimento delle diverse comunità di emigranti. A questi ultimi Fabio Console dedica il suo nuovo cd e verso di loro orienta il suo ritrovato entusiasmo artistico.